L'ESSENZA DELLA SCRITTURA

Sapevano bene ciò che facevano i Samurai quando scelsero la pelle di razza, con la sua misteriosa bellezza interiore e sorprendente resistenza, per le impugnature delle loro spade. Ogni particolare di queste armi superlative esprime l'ideale shinto di liberare lo spirito da qualsiasi sforzo calcolato o predeterminato: tutto deve essere fluido, sciolto, naturale.

"Maneggiare una spada, cavalcare un destriero, scrivere con una penna -  fai queste cose come se tu non stessi maneggiando una spada, cavalcando o scrivendo. "Solo allora potrai fare tutto senza rigidità o resistenza, ma con spirito di naturalezza", così disse il leggendario  Samurai Yagyu Munenori. La penna stilografica Galuchat vi permetterà di scoprire quello spirito e quella naturalezza.

FASCINO

La razza appartiene alla grande famiglia delle Dasiatidi e trova il suo habitat naturale nei mari del sud-est asiatico.

Vicina parente degli squali, viene catturata con delle reti nelle pescose acque orientali.

Dal suo dorso, che sfoggia un'affascinante trama perlata si ottiene, dopo una sapiente e complessa lavorazione, una delle più notevoli pelli esistenti al mondo. Una bellezza unica, propria delle profondità oceaniche.

PRESTIGIOSO E INCONFONDIBILE 

Unico nel suo genere, il Galuchat incorpora proprietà normalmente antitetiche.

Deliziosamente soffice e liscia al tatto è unanimamente riconosciuta come una tra le pelli più durature al mondo: estremamente resistente, non si strappa e non teme né l'acqua né il fuoco.

Le sue caratteristiche estetiche sono ugualmente notevoli: ogni singola pelle rivela una trama perlata a mosaico sempre diversa con particolari nuance di colore che a volte ricordano i blu-grigi, da cui scaturiscono suggestivi "riflessi di luna", altre, le sfumature del verde o dell'avorio che evocano impalpabili "sabbie d'oriente". Di conseguenza, la "Pen of The Year 2005" proposta nei due colori, offre sfumature uniche per ogni stilografica.

ARTIGIANALITA'

Ricercatissima nella produzione di prodotti di lusso del periodo Art Déco, la pelle di razza - o Galuchat -  rappresenta una sfida per esperti artigiani.

Dopo una rigorosa selezione, la pelle è sottoposta ad un complesso processo di conciatura. E questo è solo l'inizio, poiché per realizzare il fusto della "Pen of The Year 2005", ci vogliono ben 30 stadi diversi di lavorazione seguiti da una attenta e ripetuta pulitura, lucidatura e finitura che donano alla stilografica quell'estetica unica e inconfondibile.

Un'opera d'arte insomma, anche nel più piccolo dettaglio, come il fusto impreziosito da un inserto placcato platino che già di per sé rappresenta un grande capolavoro.

PRESENTAZIONE DI ALTA QUALITA' 

La Pen of the Year 2005

Ogni esemplare di questa edizione, numerato e offerto con il suo esclusivo cofanetto in legno, viene accompagnato da una preziosa brochure illustrativa ed un certificato di edizione limitata.

UNICITA'

L'assoluta maestria nella lavorazione e l'irripetibilità delle caratteristiche del fusto fanno di ogni "Pen of The Year 2005" uno strumento unico. Il pennino di ciascuna stilografica, in oro 18 carati bicolore, viene "rodiato" a mano ed è disponibile nelle larghezze di tratto M, B e F. La clip, solida ed elegante, rende con il suo meccanismo a molla la penna comodamente tascabile. L'impugnatura a rotazione del meccanismo a stantuffo é protetta da un cappuccio platinato che  previene così ogni eventuale perdita d'inchiostro della penna.

Tiratura: 2.000 esemplari